arancia-spremuta

L’arancia di Ribera “Bellabionda” si prepara a conquistare tutti, grazie al progetto di e-commerce

È dolce, molto succosa, ha una polpa bionda e consistente e stupisce per la sua croccantezza, grazie al perfetto equilibrio tra la parte morbida e fibrosa. Inoltre è facile da sbucciare, altamente digeribile, si presta a essere consumata sia come frutta fresca che spremuta, buona da bere e buona da mangiare; ma è anche indicata come ingrediente di eccellenza in molte preparazioni gastronomiche, dall’antipasto al dolce. Ha un elevato contenuto di vitamina C, importantissima per migliorare le difese dell’organismo. E cosa molto importante, è biologica, viene  lavata solo con acqua potabile e asciugata prima del confezionamento. Parliamo chiaramente dell’eccezionale arancia di Ribera, cittadina in provincia di Agrigento. Un prodotto, frutto della natura, davvero speciale. Di varietà Navelina e Washington Navel, viene prodottadal 1930, in un territorio vocato per la produzione delle arance bionde di questa varietà. Grazie al clima ideale, all’ottima qualità delle acque irrigue e dei terreni, nonché alla sapiente coltivazione dagli agricoltori che impiegano antiche tecniche colturali tramandate da padre in figlio, l’azienda Parlapiano Fruit S.r.l. ha vissuto negli anni una rapida e costante crescita.

Un’azienda radicata nel territorio, ma proiettata nel futuro. Di recente, infatti, ha dato vita al marchio registrato Arancia di Ribera D.O.P. Bio Bellabionda. Noi di Ialmo abbiamo voluto conoscerla meglio, incontrando i titolari.

Leggi l’articolo completo su Ialmo.it

Tags: No tags
0

Comments are closed.